Pubblicato da: corsicaitaliana | 1 agosto 2011

Anche i còrsi in armi a Curtatone e Montanara

29 maggio 1848-1991

ANCHE I CORSI IN ARMI A CURTATONE E MONTANARA

Nel ricordare al lettore – e ancor di più alla gioventù sviata del nostro tempo – il 143° anniversario della famosa battaglia di Curtatone e Montanara, mi è gradito precisare che a quell’episodio anche i Corsi diedero il loro apporto di sangue fraterno e di abnegazione totale alla causa dell’Unità d’Italia, che poi è sempre stata la loro, sempre in omaggio a quei legami di sangue e di storia che li legano ai fratelli della Penisola.

Colgo, pertanto, l’occasione del ritorno di questa gloriosa data, scolpita a lettere d’oro nella storia del Risorgimento italiano (da non confondersi con il falso e assurdo risorgimento 1943-1945), per riportare integralmente, in lingua corsa, un articolo commemorativo, scritto anni fa da un esimio patriota e poeta dell’isola di Corsica. Petru GIOVACCHINI, il quale con la penna e con l’azione sempre intese sentirsi nostro fratello e che mai ebbe a dimenticare l’Italia madre. Eccovene il testo:



A Curtatone e Montanara, ottantacinque anni fa!

Mentre curriva u sangue in mèzzu a i fiori di maghiu, e spiravanu i nostri giuvanotti sott’u piombu nemicu, un si sentì da punente e levante che un solu gridu: “Via l’Italia”, e stu gridu era un attu di fede.

In quellu jornu, finu a Montanara, tuscani e napulitani, in gran parte zitelli di 20 a 25 anni, affruntarunu con polsu siguru e core fermu, l’austriaci di Radetzki.

Battaglia fièra e sanguinosa induve i nostri cumbattivanu a unu contra dèce, ma soprattutto “battaglia di giovinezza”. Eranu appena cinque mila contru a trenta mila barbari, ma èranu giovani e puri e di bellu sangue italianu, e si ne andavanu, i tanti, a mòre luntanu da u paisòlu nativu, per l’onore e a libertà d’Italia!

Gloriosu particularmente fu u Battaglione universitariu, tutta bella gioventù di Siena, Pisa e Firenze, ed avianu rispostu all’appellu di a Patria, lasciendu u libru per impugnà u muschettu, e cosa che un si era mai vistu dapòi ch’u mundu è mundu, studenti e prufessori cumbattivanu fiancu a fiancu pe u listessu ideale… Ma chi lezione di patriottismu, a l’apertu, sott’a mitraglia nemica, a nant’u i campi di Curtatone e Montanara! E chi raru esempiu per un populu di ‘e più nobili virtù chi onoranu l’omu! E come simu fieri di dì: tutto què è patrimoniu gloriosu di a nostra gluriosa Italia!

Noi Còrsi rammintemu con orgogliu e devuzione, e ramminteremu sempre, cun amore filiale, che i studenti Còrsi èranu anch’elli a Curtatone, ed èranu culà per difende a nostra Mamma, l’Italia!

E fra li studenti Còrsi bulemu ricordà: i fratelli Bartulumeu e Ghiuvanni Lombardi di Bastia, e Carlu Domenicu Vincenti di l’Isola Rossa. Elli fècenu cun l’altri italiani mille prudezze di valore, malgradu l’inferiorità d’un numaru, e unu d’i Còrsi, Carlu Domenicu Vincenti murì gloriosamente per l’Italia. Unn’aviva che 20 anni.

A quelli ch’un la sanu mica, diceremu che i fratelli Lombardi eranu parenti di Donna Rachele Lombardi, a nobile cunsorte di u Duce Benitu Mussolini.

Noi, Còrsi, rammintemu con fiertà Carlu Domenicu Vincenti di l’Isola Rossa mortu nant’u campu di l’onore, e a morta di stu giovani di 20 anni è per noi una ragione di più di sperà ind’u avvenire dì a Corsica.

Petru Giovacchini (còrso)



Giovani – e perché no, lo dico anche ai non più giovani – per carità di patria, RICORDATE che la Corsica nonostante i suoi 222 anni trascorsi sotto tallone straniero, non ha mai rinnegato la sua identità italica.

Come da sempre, specie in quest’ultimo scorcio di secolo, i nostri fratelli Còrsi, ricordando l’età “paolina”, sempre più anelano di ritornare uomini liberi e indipendenti.

Pertanto, affinché anche la Corsica – l'”Isola verde”, come l’appellava il grande patriota Pasquale Paoli, “u Babbu di a Patria còrsa” – possa partecipare alla costruzione dell’europa nella veste di stato sovrano, le auguriamo nel più breve tempo possibile LIBERTÁ e INDIPENDENZA!

Perciò, gioventù d’Italia in piedi!
Giovani, per carità di Patria, RICORDATE!!!

Giuseppe Mastroserio
da bari, 29 maggio 1991

Annunci

Responses

  1. Nel libro di Felice Venosta, I Toscani a Curtatone e Montanara (1848) (consultabile qui: http://www.mauronovelli.it/venosta%20%20Opere.htm) tra i nomi dei volontari caduti troviamo anche

    Domenico Vincenti, volontario, nacque in Santa Reparata di Corsica nel 1828, morì il 29 maggio.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: